Leggi

Pacchi postali con soprastampa falsa e originale

Circolano sul mercato filatelico, a mio parere provenienti dalla Germania, francobolli originali con soprastampe false. Mostro ai lettori dell’ ACS il valore da me bocciato appartenente alla serie del 1890 ...

Continua...

Pontificio ancora falsi

Da Roma tre esemplari di Pontificio sottopostimi a verifica e bocciati come falsi: Esemplare da Cent. 40 , non dentellato, falso perché rappresenta la posizione 10 del pannello di destra dei ...

Continua...

Tariffario (in vigore)

Tariffario (in vigore)

Vi mettiamo a disposizione due utili documenti. Per scaricarli, cliccate sul loro titolo. Lettera d'incarico per perizia Avvertenze importanti per le perizie filateliche   GLI  ONORARI PROFESSIONALI per  la verifica dei  francobolli e della storia ...

Continua...

Biografia

Mario Merone nasce a Sant'Anastasia (Napoli) il 1938. Sposato, senza figli, ha dedicato la sua vita lavorativa  all'ingegneria civile sia da libero professionista sia da imprenditore edile. A ...

Continua...

Lettera di grammi 10 da Novi a Pastrengo per la Via di Svizzera

Mostro oggi la lettera, alquanto stanca ma pur sempre interessante, spedita da Novi il 4 settembre 1861 per Pastrengo, appena poco dopo la Seconda Guerra d’Indipendenza, combattuta dalla Francia e dal Regno di Sardegna contro l’Austria dal 27 aprile 1859 al 12 luglio 1859 che  si concluse con l’armistizio di Villafranca (11-12 luglio 1859) e con  la sconfitta dell’Austria che  cedette alla Francia la Lombardia, girata poi al Regno di Sardegna. A seguito di tali eventi bellici anche la Convenzione postale tra i due Stati, in vigore dal 1 gennaio 1854, venne sospesa e la corrispondenza tra il Regno di Sardegna e l’Austria venne istradata per la Via di Svizzera applicando la Convenzione sardo- svizzera del 21 ottobre 1850 che prevedeva la tariffa di 60 cent. per ogni 10 grammi di peso. Il completamento delle operazioni belliche ripristinò gli scambi postali nel settembre 1859 ma la richiamata Convenzione comunque rimase sospesa e la corrispondenza si continuò ad inoltrarla tramite la Lombardia per la Via di Svizzera, franca, pagando 60 centesimi che, ripeto, era la tariffa Via di Svizzera dall’Italia.

La lettera in oggetto fu affrancata con due francobolli della quarta emissione di Sardegna, il 40 cent., tinta del 1861, rosso vermiglio, e il 20 cent., tinta del 1861, azzurro oltremare. Al recto vi è l’annullo accessorio P. D. –  Sono presenti, al verso,

  • due annulli ambulanti ferroviari, data 4 settembre 61, con il nome della linea “Linea Vittorio Emanuele – Sezione Ticino “, dal nome della Società che gestiva il servizio e “ Linea  di Genova” con cui si indicava la linea tra Torino e Genova. Entrambi i bolli mostrano anche il numero 2  indicante la direzione di percorrenza discendente.
  • Il cerchio di Milano, 5 sett. 61
  • l’annullo ambulante lacuale Lario (2), corsa discendente, e data 5 settembre 61
  • annullo ambulante ferroviario svizzero Banhpost – Chur- S. Gallen, 6 novembre 61
  • il bollo di transito di Feldkirch del 7 settembre
  • il bollo di Verona del 10 settembre
  • SARDEGNA via Svizzera003  SARDEGNA via Svizzera002